Home > Tecnologie > IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA per raffrescamento, condizionamento, trattamento aria, deumidificazione

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA per raffrescamento, condizionamento, trattamento aria

 

 

 

 

 

 

Cosa sono gli impianti di distribuzione e trattamento aria?

 

Gli impianti di distribuzione e trattamento aria sono dei sistemi che, tramite il riscaldamento o il raffrescamento, agiscono sull’aria prelevata dall’ambiente e/o dall’esterno al fine di ottimizzarne le condizioni. Un impianto di questo genere è composto da vari elementi, quali: un recuperatore, un filtro aria, una batteria di pre-riscaldamento (quando necessaria), una batteria di raffreddamento e deumidificazione, una sezione umidificante (quando necessaria), una batteria di post-riscaldamento, un filtro ad alta efficienza (solo in particolari utilizzi), un ventilatore di mandata aria, un ventilatore di aspirazione/espulsione aria.

 

 

 

 

 

Come funzionano?

 

Il recuperatore serve per il riciclaggio energetico, che viene effettuato ai fini del risparmio di energia e grazie ad esso si riescono ad ottenere ottimi risultati sulla classe energetica degli edifici. Quando un impianto di distribuzione e trattamento aria è dotato di recuperatore, oltre al ventilatore di mandata è presente anche un ventilatore di ripresa dell’aria trattata; in questo modo si hanno due percorsi indipendenti, aria da trattare ed aria trattata.

La batteria di scambio termico è uno scambiatore di calore, solitamente a tubi alettati, del tipo aria/acqua. L’acqua può essere calda o refrigerata, e le loro corrette denominazioni sono:

▪    batteria di pre-riscaldamento

▪    batteria di raffreddamento e deumidificazione (fredda)

▪    batteria di post-riscaldamento

Il pre-riscaldamento è una batteria calda, e viene utilizzata soltanto nella climatizzazione invernale. Il suo scopo è di scaldare l’aria in modo da aumentarne la temperatura mantenendo l’umidità assoluta costante.

La batteria fredda è utilizzata durante la climatizzazione estiva, e quest’unico elemento opera 2 trasformazioni: raffredda l’aria in ingresso e la deumidifica.

Il post-riscaldamento funziona sia d’estate sia d’inverno ed accoglie aria con una forte umidità relativa; per poterla portare a valori confortevoli è necessario riscaldare in modo che possa aumentare la temperatura, mantenendo l’umidità assoluta costante. In uscita l’aria è nelle condizioni termo-igrometriche richieste per poter essere immessa nell’ambiente.

Il ventilatore di mandata nella maggior parte dei casi è centrifugo, e soprattutto ha la possibilità di variare la velocità di rotazione.

 

 

Un impianto di distribuzione e trattamento aria presenta due tipi di funzionamento a seconda che operi in regime invernale o estivo.

Durante l’inverno la batteria fredda non è operativa e l’aria segue questo percorso: dalla serranda passa attraverso un eventuale recuperatore e il filtro, arrivando nella batteria di pre-riscaldamento. Da qui attraversa la sezione umidificante e la batteria di post-riscaldamento, dove, dopo essere stata filtrata ancora una volta, viene immessa nell’ambiente tramite il ventilatore.

                                                                                                                                                                                                                     

Durante l’estate, invece, la batteria pre-riscaldamento e la sezione umidificante non vengono messe in funzione, e l’aria viene processata nel seguente modo: di nuovo l’aria dalla serranda passa da un eventuale recuperatore e poi dal filtro, ma questa volta arriva nella batteria di raffrescamento e deumidificazione. Da qui viene fatta passare direttamente nella batteria di post-riscaldamento e infine immessa nell’ambiente dal solito ventilatore.

 

 

 

 

 

I vantaggi

 

  • Doppia funzione: riscaldamento e raffrescamento

 

  • Ambienti più salubri e puliti, grazie alla qualità dell’aria, sempre fresca e ricca di ossigeno, prelevata dall’esterno, filtrata e deumidificata

 

  • La disponibilità di ambienti liberi da corpi saldanti permette di arredarli liberamente, sfruttando tutto lo spazio in maniera razionale