Home > Tecnologie > MPIANTI DI DISTRIBUZIONE RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAGIMENTO-SOFFITTO-PARETE

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE RADIANTE A PAVIMENTO-SOFFITTO-PARETE

 

 

 

 

 

Cosa sono gli impianti di distribuzione radiante a pavimento-soffitto-parete?

 

Gli impianti di distribuzione radiante a pavimento-soffitto-parete sono sistemi di riscaldamento e raffrescamento che utilizzano l’energia proveniente da tubazioni collocate dietro le superfici dell'ambiente da riscaldare o raffreddare.

 

 

 

Come funzionano e come vengono realizzati? Il sistema Agi-Comfort.

 

Il Sistema Agi-Comfort viene sviluppato, registrato, prodotto e distribuito dalla Massa Impianti srl in collaborazione con Assotherm srl.

 

Il primo parametro indice di qualità di un sistema radiante a pavimento è determinato dall’accoppiamento del tubo con l’isolante. L’aggancio del tubo su di un pannello piano permette di aumentare notevolmente la superficie a contatto con la barriera in alluminio del pannello e di aumentarne la resa. Infatti, oltre che ad essere estremamente idonea a creare la barriera vapore, tale lamina in alluminio diventa un mezzo supplementare di irraggiamento del calore generato dal serpentino di tubi.

Altri aspetti fondamentali da considerare sono lo spessore, la densità dell’isolante e la resistenza alla compressione dell’isolante. Più alti sono questi parametri, più il sistema è considerato idoneo ad evitare dispersioni di calore verso il basso.

 

Le qualità peculiari dell’impianto a pannelli radianti a pavimento Agi-Comfort sono:

 

  • Pannello Agi-Roll: lastra di doghe in rotolo di polistirene estruso XPS esente da CFC, accoppiato ad una lamina di carta mod. Kraft alluminata per garantire la barriera vapore. Sulla parte esterna del pannello e predisposta una serigrafia centimetrata per consentire di scegliere il passo nella posa della tubazione. Lo spessore standard è di 30 mm per garantire al meglio l’isolamento della soletta e per aumentare la resistenza alla compressione. La sua conformazione in rotoli favorisce una velocità di posa stimabile intorno al doppio rispetto alle tradizionali lastre isolanti bugnate. Il risparmio è da valutare soprattutto in locali ampi e geometricamente regolari dove con l’utilizzo del rotolo Agi-Roll si possono ottenere delle performances in posa molto elevate. Inoltre non avendo scanalature per l’accoppiamento, ma una semplice cimosa di sormonto, l’unione diventa più facile e sorprendentemente più veloce.

 

  • Tubo multistrato Agi-Assotherm: tubazione per i circuiti in Multistrato, Plastica-Alluminio-Plastica, in modo da assicurare al 100% la non penetrabilità di ossigeno nella tubazione (ricordiamo che l’ossigeno è fonte di vita per numerosi agenti, batteri e alghe che possono intasare lo scambiatore di calore della caldaia e la pompa di circolazione). Indice di alta qualità è dimostrabile anche dalla resistenza del tubo grazie ad un triplo strato plastica metallo saldato al laser, che offre una sicurezza in più per quanto riguarda la durata del tubo nel massetto.

 

Il tutto accoppiato con collettori di distribuzione alloggiati nelle rispettive cassette, clips di fissaggio e fascia perimetrale.

 

Oltre al pannello Agi-roll è possibile installare Agi-BioTech: trattasi di un pannello in fibra di legno tecnicamente ed assolutamente naturale ricavato dai resti della decortificazione dei tronchi di legno.

Tali resti vengono successivamente tagliati e sfibrati producendo una lana che viene poi bollita e pressata senza l’utilizzo di collanti o altre sostanze chimiche.

 

Nel sistema Agi-comfort le tubazioni possono essere posate a chiocciola, a meandro e a doppio circuito, garantendo per ogni locale la migliore uniformità della temperatura ambiente.

La posa a doppio serpentino (da noi consigliata) permette di realizzare impianti a 2 circuiti garantendo cosi il riscaldamento uniforme dell’intera superficie anche in caso di funzionamento al 50%. Particolarmente indicato in ambienti dove si vuole differenziare la temperatura ambiente e ridurre i tempi di inerzia.

 

Gli impianti radianti a suolo possono essere utilizzati non solo per la generazione del calore per irraggiamento, ma anche come valido e conveniente strumento per la climatizzazione estiva. Per fare questo, il passo da compiere è in fase di regolazione dell’impianto, mediante l’ausilio di un’unità di deumidificazione ad aria neutra che viene attivata dal sistema di regolazione. La gestione dell’umidità relativa presente nell’aria, risulta pertanto essere di fondamentale importanza per raggiungere il livello di comfort desiderato, proprio perché in questo modo vengono garantite corrette condizioni idrometriche dell’aria.

A differenza dei sistemi tradizionali di raffrescamento, che impiegano quantitativi importanti di acqua a temperatura di 7°C, i fluidi contenuti nel serpentino vengono immessi ad una temperatura media di 16-18 °

C. Il serpentino si trasforma in una sorta di grosso bacino di accumulo, e la sua notevole inerzia termica si traduce in una significativa riduzione della potenza frigorifera impegnata.

La differenza fra i tradizionali sistemi di raffrescamento sta nel fatto che questi tendono a diminuire la temperatura dell’aria e non della struttura circostante, facendo percepire all’essere umano una sensazione di freddo, e con maggiore dispendio di energia.

 

 

 

 

I vantaggi

 

  • Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti a pavimento-soffitto-parete uniscono un elevato livello di comfort ad un notevole risparmio energetico rispetto ai sistemi di riscaldamento a radiatori.  

 

  • Minor gradiente termico tra pavimento e soffitto che comporta risparmi energetici tanto più elevati quanto maggiore è l’altezza dei locali.

 

  • La soluzione di riscaldare gli ambienti attraverso tubazioni sottotraccia consente un notevole risparmio energetico favorito da una temperatura media di esercizio pari a circa 30°C.

 

  • L’impianto risulta invisibile, a tutto vantaggio dell’estetica e consentendo un miglior sfruttamento degli spazi.